Pagina iniziale | Navigazione |
Google

Santa Teresa di Lisieux

Santa Teresa di Lisieux, o Santa Teresa del Bambin Ges - (Alençon, Francia, 2 gennaio 1873 – Lisieux, Francia, 30 settembre 1897) - nata come Thérse Francoise Marie Martin, fu una monaca e mistica francese del monastero carmelitano di Lisieux, in Normandia. È considerata patrona di Francia al pari di Giovanna d'Arco e nel 1997 stata insignita dalla Santa Sede del titolo di Dottore della Chiesa. Insieme a Teresa d'Avila e a Santa Caterina da Siena una delle poche donne insignite di tale titolo. Patrona dei missionari, conosciuta anche come il Piccolo fiore di Ges ed ricordata il 1 ottobre. Morì di tubercolosi all'età di ventiquattro anni.

Table of contents
1 Biografia
2 Una descrizione della prova della fede: il buco nero
3 La prova della fede: una testimonianza
4 La prova della fede: un'altra testimonianza
5 I "Derniers Entretiens"
6 Il dibattito su Thérse Martin
7 Madre amatissima ...
8 Piccola antologia
9 Bibliografia
10 Opere su Thérse Martin
11 Lavori teatrali su Thérse Martin
12 Filmografia
13 Cronologia delle pi rilevanti o conosciute manifestazioni di Thérse Martin nel mondo a partire dalla sua morte (30 settembre 1897) ad oggi (2004): miti, sogni, leggende, comunicazioni, apparizioni, profezie e miracoli.
14 Collegamenti esterni

Biografia

Ultima dei nove figli di una famiglia molto religiosa (tutte le sue quattro sorelle entrarono in convento, di cui tre nell'ordine delle carmelitane), aveva appena quattro anni quando la madre morì e il padre - trovandosi solo ad accudire i figli - decise di trasferirsi con essi a Lisieux, dove viveva la famiglia del fratello.

Quando Teresa aveva nove anni, la sorella maggiore Paolina entrò nel convento di clausura delle Carmelitane; da quel momento Teresa espresse anch'essa il desiderio di entrare in clausura, ma il vescovo di Bayeux non glielo concesse considerata la sua giovane età. All’età di quattordici anni Teresa e il padre si recarono in pellegrinaggio a Roma, e la giovane chiese direttamente al Papa Leone XIII di entrare nel Carmelo di Lisieux. Il papa rimandò la decisione alla superiora del convento che qualche mese dopo diede il permesso, così che a poco pi di quindici anni Teresa poté entrare in convento dove assumerà il nome di Teresa del Bambin Ges e del Volto Santo.

A Lisieux passerà nove anni che si riveleranno di grande ricchezza spirituale: ben presto ricevette l’incarico di maestra delle novizie, incarico che dovette però lasciare quando si ammalò di tubercolosi. Il suo desiderio di recarsi in missione in Indocina non si realizzò mai a causa della sua malattia che, tuttavia, non le impedì di prendersi cura dei missionari in partenza per il sud-est asiatico e pregare per loro.

Durante gli ultimi anni della sua vita scrisse per obbedienza alle superiori la sua autobiografia Storia di un'anima, libro che ebbe una accoglienza eccezionale, nel quale racconta la sua vocazione e la semplicità della sua vita.

Nel 1925 Teresa di Lisieux fu canonizzata da Papa Pio XI e due anni dopo dichiarata patrona dei missionari, anche se non si spostò mai dal suo convento. Malgrado la sua grande popolarità, già immediatamente successiva alla sua morte, fu soltanto a partire dal 1957 che si cominciò a lavorare alla pubblicazione critica dei suoi scritti, in parte precedentemente censurati, se non manomessi, da chi ne aveva curato le pubblicazioni. Manipolazioni che snaturavano la vera figura di Thérse Martin accreditandone una falsa immagine del resto contraddetta dalla esplicita devozione popolare. Tale lavoro di recupero stato portato a termine solo nel 1992.

Dopo la crisi costituita dalla malattia infantile e il suo superamento con la conversione del Natale 1886, negli ultimi anni della sua breve vita, quanto era ormai minata fisicamente dalla tubercolosi, si dice sia stata tentata dall'ateismo: una personale (e presumibilmente drammatica e sofferta) notte della fede, ultima crisi ed anche ultimo passo di conversione verso la santità.

I coniugi Martin

Così come, nel trascorrere del tempo dalla morte di Thérse venuta aumentando la sua popolarità e la chiesa l'ha insignita via via dei titoli di beata prima, poi santa, patrona delle missioni, patrona di Francia ed infine Dottore, così nel trascorrere del tempo da questa vicenda, la madre di Thérse, Zelie Guerin e suo padre Louis Martin hanno guadagnato sempre pi in popolarità sino ad arrivare da poco ad essere riconosciuti Beati e si stanno avviando verso il riconoscimento da parte del Vaticano della loro santità. E questo malgrado un autorevole studioso di Thérse, il carmelitano Jean Francois Six abbia definito Louis Martin, forse a torto ma con qualche ragione "ozioso e padrone". Tuttavia non c' da meravigliarsi pi di tanto di questi opposti giudizi se si pensa che in una intervista, uno dei padri che partecipava al processo canonico per eleggere santa Threse, disse che non capiva tutto questo agitarsi per la canonizzazione di threse quando, a suo parere, la sorella Pauline divenuta priora del carmelo di lisieux aveva dimostrato di essere molto pi santa di Thrse stessa. Tuttavia va menzionato che Zelie Guerin ha lasciato pi di 260 lettere scritte nell'arco di tempo 1860-1874, molto interessanti per chi interessato a capire la vicenda Martin che ha appunto il suo culmine nella stessa Thrse. Alcuni studiosi di questa vicenda hanno voluto insinuare che dietro l'innalzamento dei coniugi Martin alla gloria degli altari vi sia una politica ben precisa da parte del vaticano: il riproporre l'istituzione della famiglia quale valore indiscutibile e immodificabile, soprattutto in questi ultimi tempi in cui tale istituzione viene continuamente minacciata e attaccata da pi parti.

Una descrizione della prova della fede: il buco nero

A partire dalla pasqua del 1896 inizia per la carmelitana di Lisieux un periodo caratterizzato dalla "notte della fede" che perdurerà fino alla morte. Tale tentazione contro la fede descritta soprattutto nel "Manoscritto C", nei "Derniers Entretiens" e in alcune lettere e poesie di quest'epoca. Nel giardino del carmelo di Lisieux c'era un chiosco che Thérse poteva vedere dall'infermeria dove passò gli ultimi mesi della sua breve vita. Quel luogo Thérse lo chiamava "il buco nero".
"Guardate, vedete laggi quel buco nero, dove non si distingue pi nulla; io sono in un buco nero come quello, con l'anima e con il corpo. Ah! Si, quali tenebre! Ma le abito nella pace."
("Derniers Entretiens", 28 agosto 1897)

La prova della fede: una testimonianza

Emmanuel Renault che si occupato in particolare della prova della fede che la carmelitana di Lisieux ha patito, cita la confidenza fatta da Thérse ad una consorella: "Se sapesse in quali tenebre sono immersa. Non credo alla vita eterna. Mi sembra che dopo questa vita mortale non ci sia pi niente: tutto sparito per me, non mi resta che l'amore."

La prova della fede: un'altra testimonianza

Madre Agnese (Pauline) rivela a suor Luisa di Ges (carmelitana del monastero di Lisieux dal 1919 al 1982) che Thérse si sentiva talvolta assalita con una tale violenza da uno spirito di blasfemia che si mordeva le labbra con forza per non proferire le parole empie che le venivano malgrado la sua volontà alla bocca. Proprio riferendosi a questa testimonianza taluni hanno parlato di confidenza indiretta approposito di quanto Thérse stessa scrive nella "Preghiera n°18": "Spesso devo far diventare rossa con il sangue del mio cuore l'arena del combattimento"

I "Derniers Entretiens"

I "Derniers Entretiens" o "Ultimi Colloqui" non sono propriamente le parole che Thérse ha scritto in prima persona come gli altri scritti a lei attribuiti ma sono gli appunti delle ultime conversazioni che lei ha intrattenuto, in particolare con la sorella Pauline/suor Agnese di Ges. Le parole che in questi appunti vengono a lei attribuiti non danno la certezza che furono proprio quelle le sue parole come invece per gli altri scritti di cui si hanno gli originali autografi. Se poi si tiene presente con quale disinvoltura le sue consorelle e in primo luogo Pauline/suor Agnese corressero i suoi scritti originali prima di essere pubblicati...... I "Derniers Entretiens" sono ovviamente una interessante e utile documentazione che si aggiunge ad altre per comprendere pi profondamente il vero senso della vicenda Thérse Martin ma il rispetto per la verità di questa storia con le sue luci e anche con le sue ombre esige comunque che ogni affermazione che in esso viene a lei attribuito vada per lo meno preso con le pinze. Uno studioso di questa vicenda oltre che carmelitano, Jean Francois Six, riteneva che tale scritto non andasse nemmeno inserito nell'edizione delle "Opere Complete di Thrse Martin".

Il dibattito su Thérse Martin

  • 1899 - Già verso la fine del 1899, la zia Guerin diceva alle nipoti, sorelle della defunta, che la sua famiglia era costretta a lasciare Lisieux "a causa di Thérse". La vita diventava loro insostenibile. A differenza delle sorelle Martin, protette dalla grata, folle innumerevoli volevano vedere ed interrogare i Gerin. E bisognava difendere la tomba della "piccola suor Thérse": pellegrini di tutta la Francia e di oltre confine, raccoglievano fiori, asportavano la terra del cimitero, d'ogni cosa facevano reliquie.
  • 1925 - Thérse Martin, già suor Teresa del Bambin Ges diventa Santa Teresa di Lisieux: morta nel 1897 canonizzata ventotto anni dopo, la canonizzazione dai tempi pi rapidi dal 1588.
  • 1925 - La psicoanalisi. Ernest Jones (1879-1958), divenuto il delfino di Sigmund Freud, e la sua allieva Iseult F. Grant Duff (1887-1957) prendono - per così dire - in analisi Thérse Martin e ne pubblicano i risultati in "A Psychoanalitical study of a phantasy of St Thérse de L'enfant Jesus". Lo studio viene letto da Jones stesso il 18 novembre 1925 al congresso di psicoanalisi della "Société Britannique de Psychanalyse" e pubblicato sul "The British journal of medical Psychology".
  • "Die Geschichte der phantasie einer heiligen" - È un articolo pubblicato sulla rivista di Freud "Imago" (n°16 - anno 1930)
  • 1932 - Il gesuita Pére Desbuquois richiede il dottorato per la "piccola Teresa" ma il Papa Pio XI, che tuttavia aveva fatto di Teresa "la stella del suo pontificato", vi si oppone come si era opposto nel 1923 al dottorato per la "grande Teresa", Teresa D'avila, in quanto non era ammissibile che "un dottore della chiesa fosse di sesso femminile".
  • 1937 - Pierre Mabille (1904 - 1952), un medico psichiatra vicino al movimento dei surrealisti pubblica un opuscolo - "Thérse de lisieux" - in cui vede nell'"Uragano di gloria" teresiano il segno infallibile dell'agonia della chiesa cattolica.
  • 1976 - Jacques Maitre pubblica nuovamente i testi psicoanalitici di Ernest Jones e Iseult F. Grant Duff in "Recherches psychanalytiques sur un cas de sainteté canonisée. Thérse Martin (1873-1897)" (Archives de sciences sociales des religions - n° 41)
  • 1981 - Jacques Maitre sviluppa le ipotesi psicoanalitiche di Ernest Jones e Iseult F. Grant Duff in "Ideologie religieuse, conversion religieuse et symbiose mre-enfant. Le cas de Thérse Martin (1873-1897)" (Archives de sciences sociales des religions - n° 51.1)
  • 1987 - Il vescovo di Lisieux riprende la richiesta di dottorato per Teresa di Lisieux avanzata nel 1932.
  • 1995 - Jacques Maitre porta a termine i lavori su Teresa di Lisieux con "L'orpheline de la Bérésina. Thérse de Lisieux (1873-1897). Essai de Psychanalyse socio-historique".

Madre amatissima ...

Teresa intende cantare solo ciò in cui vuole credere e perciò scrive nell'"Histoire d'une âme"(Manuscrit C, indirizzato a Suor Marie de Gonzague, Capitolo X: L'épreuve de la foi 1896-1897):

"Madre mia diletta, forse pensa che esagero la mia prova. Infatti, se ella giudica dai sentimenti che esprimo nelle poesiole composte quest'anno,le debbo sembrare un'anima tutta consolazioni, per la quale il velo della fede s' quasi squarciato, e tuttavia... non si tratta pi per me d'un velo, ma d'un muro che s'innalza fino al cielo e impedisce la vista del firmamento stellato ... Quando canto la felicità del Cielo, l'eterno possesso di Dio, non provo gioia alcuna; canto semplicemente ciò in cui voglio credere.

Piccola antologia

  • " Tu che mi sorridesti all'alba di mia vita / Vieni e sorridi ancora ... Madre / ... scende la sera!..." - (Poesia n° 54 - maggio 1897)

  • " Oh!J'avais bien envie de pleurer en lisant ces lignes qui ne sont pas de la terre, mais en écho du Coeur de Dieu...Voulez-vous que je vous dise? Eh bien, vous etes possédée par le bon Dieu, mais possédée ce qui s'appelle ... absolument comme le méchants le sont du vilain".
  • ("Oh! Avevo una gran voglia di piangere leggendo quelle righe che non sono della terra ma un eco del cuore di Dio ... volete proprio che ve lo dica? Ebbene, voi siete posseduta dal buon Dio, ma posseduta, come si dice ... assolutamente, proprio come i cattivi lo sono dal demonio") - (Lettera della sorella Marie Martin a Thérse del 17 settembre 1896)

Bibliografia

Edizione Critica delle Opere Complete (1992)
Fondamentale per un approccio al suo pensiero; comprendente i seguenti scritti:

  • "Manoscritto autobiografico A" (1895)
  • "Manoscritto autobiografico B" (1896)
  • "Manoscritto autobiografico C" (1897)
  • 54 "Poesie" (1893-1897)
  • 21 "Preghiere" (1884-1897)
  • 266 "Lettere" (1877-1897)
  • "Recreations Pieuses", otto quadri scenici (1894-1897)

Opere su Thérse Martin

  • "La petite princesse de Dieu" - Catherine Rihoit (1992)
  • "Santa Teresa di Lisieux" - Ida Magli (1984)
  • "''La veritable enfance de Thérse de Lisieux. Névrose et sainteté" Abb Jean Francois Six (1972)
  • "''Teresa di Lisieux: la sua vita al carmelo" Abb Jean Francois Six (1973)
  • "''Luci della notte: gli ultimi 18 mesi di Teresa di Lisieux" Abb Jean Francois Six (1995)
  • "''Teresina - Storie di un'anima" Laura Bosio (2004)
  • "''Iniziazione alla vera Teresa di Lisieux" René Laurentin (1972)
  • "''Charles Arminjon, ce pretre qui inspira Thérse de Lisieux" G.Arminjon (1972)
  • "''Un'amicizia celeste, santa Teresa del Bambino Ges e il beato Teofano Vénard" P.Destombes, in "Il carmelo" 1961,I
  • "''Thérse de Lisieux et l'au-delà" Blaise Arminjon (1996)
  • "''Teresa di Lisieux e la bibbia" P.Roberto Moretti (1973)
  • "''La prova della fede: la lotta di Teresa di Lisieux" Renault Emmanuel (1975)

Lavori teatrali su Thérse Martin

  • "Il volto velato" - di Maricla Boggio (2000)
  • "La Santa" - di Antonio Moresco (2000)
  • "Emily e Thérse" - di Antonia Spaliviero (1991)
  • "Il teatro di Teresa di Lisieux" - di Maricla Boggio (1999)

Filmografia

  • "''Beatification de la Bienheureuse soeur Thérse de l'Enfant-Jésus"(Documentario su Thérse Martin commissionato dal Carmelo di Lisieux)-Regia di Michel Coissac (1923 - Francia)
  • "''La vie miraculeuse de Thérse Martin" - Regia di Julien Duvivier (1929 -Francia)
  • "''Thérse Martin" Regia di Maurice De Canonge(1939 - Francia)
  • "''Procs au Vatican" Regia di André Haguet(1951 - Francia)
  • "''Il processo di Santa Teresa del Bambin Ges" Regia di Vittorio Cottafavi (1967) (Italia - Rai Radiotelevisione Italiana)
  • "Thérse" (1986 - Francia) - Regia di A.Cavalier
  • "Thérse - The Story of Saint Thérse - (2003 - Usa) regia di Leonardo Defilippis

Cronologia delle pi rilevanti o conosciute manifestazioni di Thérse Martin nel mondo a partire dalla sua morte (30 settembre 1897) ad oggi (2004): miti, sogni, leggende, comunicazioni, apparizioni, profezie e miracoli.

  • 1905 - Brano tratto dal racconto della apparizione di Thérse Martin a Maria Josefa Alhama Valera, che anni pi tardi sarebbe diventata Madre Speranza di Ges (1893 -1983).
"Vede, Padre: questa qui io l'ho conosciuta che avevo dodici anni". Io feci subito un calcolo: la Madre é nata il 30 settembre 1893, Teresa del Bambin Ges é morta il 30 settembre 1897, dico: "Madre, come ha fatto a conoscerla se, quando lei aveva dodici anni, questa era morta da otto anni?". Lei sorrise e proseguì: "Stavo in casa dello zio sacerdote, sentii suonare il campanello, scesi gi e vidi una Suora tanto bella che mai avevo visto. Mi meravigliai che non portasse le bisacce per raccogliere l'elemosina, pensavo infatti che fosse una suora questuante e le dissi subito: "Suora, dove mette la roba che le do se non ha neanche le bisacce?". E lei mi rispose: Bambina, io non sono venuta per questo! "Ma sarà stanca del viaggio? Prenda una sedia!" - Non sono affatto stanca. "Con questo caldo avrà sete!" - Non ho sete. – "Allora che vuole da me?" E lei mi disse: "Vedi bambina, io sono venuta a dirti da parte del buon Dio che tu dovrai cominciare dove ho finito io". E mi parlò a lungo della devozione all’Amore Misericordioso che avrei dovuto diffondere in tutto il mondo. Ad un certo punto mi voltai e la suora non c'era pi. "Era proprio Lei, sa! Era proprio Lei". E dicendo questo additava la statua di Santa Teresa del Bambino Ges che era lì in mezzo a noi.

Mi colpì quell'espressione "son venuta a dirti da parte del Buon Dio", le Bon Dieu dei francesi; gli spagnoli non avrebbero detto il Buon Dio, ma el Buen Jesús.

Anche questo particolare mi ha fatto sempre pensare alla genuinità della notizia e parlando della devozione all'Amore Misericordioso aggiunse anche il particolare: "Dio non vuol essere pi sentito come un giudice di tremenda maestà, ma come un Padre buono. È questa la missione che io ho ricevuto da diffondere per il mondo intero"

  • 1910 - Dopo la sua morte Teresa apparve alla madre priora delle Carmelitane Scalze del convento di Gallipoli, madre Carmela del Sacro Cuore di Ges, per confermare la validità della sua dottrina spirituale: l'infanzia dello spirito.

  • 1925 - Teresa Neumann (Germania 1898-1962)era particolarmente devota a Teresa di Lisieux e nel giorno della sua canonizzazione la santa le appare, la guarisce prodigiosamente e lei riprende a camminare. In seguito Teresa Neumann sarà la personalità mistica pi studiata dalla scienza medica.

  • 1926 - Marthe Robin (Francia 1902-1981) di cui attualmente in corso il processo di beatificazione, dopo essere stata per tre settimane in coma si risveglia raccontando di aver ricevuto per tre volte la visita di Santa Teresa di Lisieux, che le aveva rivelato che avrebbe continuato a vivere per portare avanti una missione nel mondo.

  • 1968 - A Veronica Lueken, madre di cinque figli, veggente di Bayside, nello stato di New York, appare Santa Teresa di Lisieux, che cominciò a dettarle messaggi spirituali e a prepararla alla prima visita della Santa Vergine, che ebbe luogo il 18 giugno 1970.

  • 1973 - Dozulé, Francia. Apparizioni e rivelazioni (Magdalene Aumont) condannate dai vescovi di Bayeux e Lisieux.

  • 1994 - Christiana Agbo ragazza di dodici anni nel piccolo villaggio di Aokpe situato in una sperduta zona della Nigeria. La veggente, dopo aver avuto una visione di Santa Teresa di Lisieux, decise di diventare suora Carmelitana. La Madonna acconsentì alla decisione della ragazza di assumere il nome di "Christiana di Maria Bambina", scelto proprio in onore di Santa Teresa di Ges Bambino.

Collegamenti esterni

  

GNU Fdl - it.Wikipedia.org




Google | 

Enciclopedia |  La Divina Commedia di Dante |  Mappa | : A |  B |  C |  D |  E |  F |  G |  H |  I |  J |  K |  L |  M |  N |  O |  P |  Q |  R |  S |  T |  U |  V |  W |  X |  Y |  Z |