Pagina iniziale | Navigazione |
Google

Eliogabalo

 


   

 Eliogabalo
Imperatore Romano

Marco Aurelio Antonino, meglio conosciuto come Eliogabalo (203 ca - 11 marzo 222) fu Imperatore Romano della Dinastia Severiana e regnò dal 218 al 222. Eliogabalo era figlio Sesto Valerio Marcello e Giulia Soemia Bassiana, nipote di Giulia Domna (moglie di Settimio Severo).

La madre sosteneva che il vero padre di Eliogabalo fosse suo cugino Caracalla (Marco Aurelio Antonino), ed egli ne adottò il nome durante il suo breve regno. Il nome con il quale fu popolarmente noto, Eliogabalo, era il nome della divinità principale della città siriana di Emesa (l'odierna Homs o Hims). Eliogabalo era per eredità il pi alto sacerdote della divinità quando la madre e la nonna lo usarono come pretendente contro Macrino, che era succeduto a Caracalla. Nel 220, dominando Roma, Eliogabalo tentò di fare di questa divinità la principale divinità dell'Impero con il nome di "Dio Sole Invincibile" (Deus Sol Invictus)

Eliogabalo molto conosciuto per le azioni debosciate che pare abbiano caratterizzato il suo regno. Dopo la sua morte circolarono innumerevoli storie sulle sue perversioni sessuali, inclusa l'affermazione che avesse una vagina artificiale ricavata nel suo corpo. Si diceva anche che avesse soffocato a morte gli ospiti di un banchetto con una massa di petali di rosa profumati lasciati cadere dall'alto.

Per questi motivi Eliogabalo, nel tardo diciannovesimo secolo divenne qualcosa di simile ad un eroe della Decadenza. E' raffigurato in molte opere di pittura e letterarie come l'incarnazione di una estetica immorale. Molte opere sono ispirate alla sua vita ed al suo carattere, fra cui le seguenti:

  • Il quadro Le rose di Eliogabalo (1888), del pittore Anglo-Olandese accademico Sir Lawrence Alma-Tadema.

  • Una raccolta di poesie del poeta tedesco Stefan George intitolata Algobal (1892 - 1919).

  • Il quadro "Eliogabalo, Gran Sacerdote del Sole" (1886), del decadente inglese Simeon Solomon, un tempo molto amico di Algernon Charles Swinburne.

  • Il romanzo L'agonia (L'Agonie) (1889), dello scrittore francese Jean Lombard.

  • Il romanzo La montagna di luce (De Berg van Licht)(1905) dello scrittore olandese Louis Couperus.

  • Il romanzo Il Dio Sole (The Sun God) (1904), dello scrittore inglese Arthur Westcott.

  • Una biografia, Lo straordinario Imperatore Eliogabalo (The Amazing Emperor Heliogabalus) (1911), del docente di Oxford John Stuart Hay.

  • La commedia Eliogabalo o l'anarchico coronato (Héliogabale ou l'Anarchiste couronné) (1934) del surrealista francese Antonin Artaud.

  • Il romanzo Favoriti di Famiglia (Family Favourites) (1960) dello scrittore anglo-argentino Alfred Duggan.

  • Il romanzo Il figlio del Sole (Child of the Sun) (1966) di Lance Horner e Kyle Onstott.

  • L'opera L'Imperatore Eliogabalo (Heliogabalus imperator) (1972) del compositore Tedesco Hans Werner Henze (1926- ).

  • L'orchestra Devil Doll ha prodotto un CD intitolato "Eliogabalus" che a lui si riferisce.

  • Esiste un complesso sperimentale rock francese chiamato "Eliogabalo" (Héliogabale)

Si veda anche (in inglese) Albero genealogico della dinastia Severiana

Link esterni

Getty Museum, Sir Lawrence Alma-Tadema

 


   

 Roberto Bompiani: Il Parassita (1875)
Paul Getty Museum


Imperatori Romani
Preceduto da:
Macrino
(217 - 218)
Eliogabalo (218 - 222) Seguito da:
Alessandro Severo (222 - 235)
Impero Romano


GNU Fdl - it.Wikipedia.org




Google | 

Enciclopedia |  La Divina Commedia di Dante |  Mappa | : A |  B |  C |  D |  E |  F |  G |  H |  I |  J |  K |  L |  M |  N |  O |  P |  Q |  R |  S |  T |  U |  V |  W |  X |  Y |  Z |