Pagina iniziale | Navigazione |
Google

Per¨

La voce tratta unicamente la nazione Per¨; per altri significati vedi:
  • Citt├á degli USA: Peru (Illinois) · Peru (Indiana) · Peru (Maine) · Peru (Nebraska) · Peru (New York) · Peru (Vermont)

   Per¨
     
     
     (Dettaglio)
     (Dettaglio)
     Motto: Libertad y Orden
     
Denominazione ufficiale:Rep├║blica del Per├║
Inno nazionale:Somos libres, seámoslo siempre
Lingua ufficiale:spagnolo
quechua
Capitale:Lima
Forma di governo:Repubblica presidenziale
Attuale capo di stato:Alejandro Toledo Manrique
Attuale premier:
Continente:America
Superficie:
 - Totale
 - % acque
19a
1.285.220 km┬▓
8,8%
Abitanti (al 2002):27.949.639 39a.
Densità:22,0
Festa nazionale:28 luglio
Sigla automobilistica intern:PE
Indipendenza:28 luglio 1821
Moneta:Nuevo Sol = 100 centimos
Fuso orario:UTC -5
TLD:.pe
Prefisso telefonico:+51
Membro ONUdal 1945
Membro AMCCdal
Membro Patto delle Andedal
Membro Paesi Non Allineatidal
Membro OASdal
Membro Gruppo di Riodal

Il Per¨ Ŕ una nazione (1.285.220 km┬▓, 27.949.630 abitanti, capitale Lima) del America meridionale.

Confina a nord con Ecuador e Colombia,a est con Brasile e Bolivia, a sud con Cile , a ovest con l'Oceano Pacifico.

Il Per¨ Ŕ una repubblica presidenziale.

La lingua ufficiale Ŕ quella spagnola. Altre lingue indigene sono il quechua e l'aymara. L'inglese Ŕ compreso nei migliori alberghi.

In Per¨ vige il sistema metrico decimale; unica eccezione la benzina, che viene venduta a galloni.

Table of contents
1 Storia
2 Geografia
3 Cultura
4 Arte
5 Politica
6 Festività
7 Bibliografia
8 Link
9 Altre voci

Storia

Per una descrizione pi¨ completa vedi Storia del Per¨.

Preistoria

I primi abitanti del Per¨ furono cacciatori e raccoglitori nomadi, i resti ritrovati qui risalgono a circa 14.000 anni fa.
Gli abitanti coltivavano fagioli e cotone, peperoncini, zucche e, verso il 1400 a.C, il
mais.
Gli antichi peruviani si dedicavano inoltre alla realizzazione di costruzioni destinate a scopi cerimoniali o rituali.
Verso il 3000 a.C venne avviata la coltivazione di diversi tipi di patata, che Ŕ ancora l'alimento base della zona andina.

Le prime civiltà precolombiane

Nel periodo iniziale (2000 a.C - 1000 a.C) inizio la lavorazione della ceramica.
Nell'antico orizzonte (1000 a.C - 300 a.C) si svilupp├▓ la tessitura, la ceramica, l'agricoltura, la religione, ovvero la cultura. Durante questo periodo si inizi├▓ a lavorare l'
oro.
Nel periodo intermedio antico (300 a.C - 600) vi fu il declino dello stile Chavin, con l'affermazione di varie culture locali: Salinar, Paracas, Moche, Trujillo e Nazca.

Il medio orizzonte (600 - 1000) fu segnato da un disastroso periodo di siccit├á che contribu├Č alla fine della civilt├á dei moschee vi fu ascesa dei Wari, il primo popolo espansionista di cui si abbia notizia nella zona andina.

Intorno al 1000 i Wari furono sostituiti da singoli stati regionali, affermatisi nelle diverse zone del paese, che fiorirono per 400 anni: il regno dei Chimu, i Chancay, i Chachapoyas, Ica-Chincha, i Chankas e i primi Incas. L'impero Incas fu di breve durata (1400 - 1430).
L'impero degli Incas era noto come Tahuantinsuyo (la terra dei quattro angoli), si estese dalla Colombia meridionale fino al Cile centrale, e comprendeva le regioni andine della Bolivia e dell'Argentina settentrionale.

L'invasione spagnola e la colonia (1492 - 1800)

Dopo lo sbarco di Colombo nel 1492, e la conquista delle isole caraibiche, della sottomissione di Aztechi e Maya, gli spagnoli rivolsero le attenzioni al continente sudamericano.

Con tre spedizioni distinte Francisco Pizzarro mosse verso il Per¨, catturando l'imperatore Atahualpa e ponendo fine all'Impero degli Incas.

Gli spagnoli spostarono la capitale del vicereame del Per¨ a Lima nel 1535.
L'inca Manco cerc├▓ di riassumere il controllo degli altipiani e nel 1536 fu sul punto di riuscire nell'impresa, ma un anno pi¨ tardi dovette ritirarsi a Villacabamba, nella giungla, dove venne ucciso nel 1544.

La colonia veniva governata da un vicer├ę nominato dalla corona di Spagna.

L'indipendenza (1801 - 1940)

Jos├ę de San Martin liber├▓ l'Argentina e il Cile, entrando nel 1821 a Lima. Proclam├▓ l'indipendenza del paese nello stesso anno a Huacho.
Le due battaglie decisive per l'indipendenza furono combattute a Jun├şn il 6 agosto 1824 e ad Ayacucho il 9 dicembre dello stesso anno.
Nel periodo tra il 1836 e il 1839 Per¨ e Bolivia sono unite in federazione.
Nel 1866 scoppi├▓ la guerra peruviano-spagnola. Guerra del Pacifico (1879-1884).
Nel 1908 cominci├▓ la dittatura militare di Augusto Legu├şa y Salcedo. Victor Ra├║l Haya de la Torre fond├▓ il Partito nazionale APRA.

Storia recente

Nel 1941 il Per¨ entr├▓ in guerra con l'Ecuador, in seguito a contrasti di confine.
Il 31 maggio 1971]] un terremoto di intensit├á pari a 7,7 gradi della scala Mercalli uccise pi¨ di 70.000 persone nel Per¨ settentrionale.
Il periodo fra 1960 e 1985 Ŕ caratterizzato da una alternanza di colpi di stato e dittature.
Tra il 1980 e primi anni del 1990, il gruppo maoista "Sendero Luminoso", conduce una campagna terroristica contro il governo centrale.
Segni di ripresa economica, si ebbero quando Alberto Fujimori, figlio di immigrati giapponesi, fu eletto presidente nel 1990.
Nel 1992, con un auto-golpe, sospese la Costituzione e sciolse il congresso, queste sue decisioni cambiarono l'atteggiamento delle nazioni nei confronti del Per¨, che sospesero gli aiuti economici.
Nell'ottobre 1993 fu approvata una nuova costituzione, che prevedeva la possibile rielezione del presidente per due mandati consecutivi (cosa non permessa da quella precedente).
Nel 1995 Fujimori si ricandida alla carica di presidente della repubblica, vincendo con il 64% dei voti.
Nel 2001 viene rieletto Fujimori, che fu costretto a dimettersi e a non ripresentarsi, nel 2002 viene eletto a presidente della repubblica Alejandro Toledo Manrique.

Geografia

Il Per¨ Ŕ il terzo paese del Sud America.
├ł completamente in un'area tropicale.

Il Per¨ viene suddiviso in tre aree:

Geografia fisica

Striscia o fascia costiera
L'area Ŕ prevalentemente desertificata con la parte meridionale che confluisce nel
deserto di Atacama, pianeggiante, larga anche 150 km, che si restringe verso sud, dove le Ande raggiungono spesso il mare, affacciandosi con coste alte e ripide, fronteggiate da isolotti aridi e disabitati (il pi¨ esteso Ŕ il gruppo delle Chincha) e coperti da strati di guano.
A nord termina, presso i confini con l'Ecuador, in una palude di mangrovie.
Le principali citt├á, si trovano in quest'area, che ha anche la migliore rete di comunicazione nazionale, Ŕ attraversata per tutta la sua lunghezza dalla Panamericana.

Il deserto Ŕ attraversato da fiumi che scendono dalle pendici occidentali delle Ande, formando circa 40 oasi. L'irrigazione svolge un ruolo essenziale poich├ę rifornisce di acqua le principali citt├á costiere e consente l'irrigazione dei campi. Il terreno delle valli fluviali Ŕ molto fertile, mentre quello di collegamento tra una valle e l'altra Ŕ costituito da deserto secco e roccioso.

Catena montuosa andina o Sierra
La sierra rappresenta i due terzi della superficie totale ed Ŕ costituita da alte catene montuose e da vasti altipiani appartenenti al sistema andino.
Si tratta di una catena montuosa giovane, ancora in fase di sollevamento. Si sviluppa attraverso lo scivolamento della placca di Nazca (nel Pacifico) sotto la zolla sudamericana.
Il processo ancora in corso conferisce all'area una notevole instabilità geologica e provoca frequenti terremoti, oltre che essere la causa di una notevole quantità di vulcani attivi.

  • La parte settentrionale della sierra, a nord del Cerro de Pasco, Ŕ formata da tre catene che si estendono quasi parallele da nord-ovest a sud-est:
    • Cordigliera occidentale o Blanca
      • segna lo spartiacque tra Oceano Pacifico e Oceano Atlantico, formata da una duplice fila di creste superiori ai 4.000 m, tra le quali si estende un lungo altopiano stepposo
    • Cordigliera centrale
      • tra le valli del Mara├▒├│n e del Huallaga, priva di nevi perenni, le sue cime raggiungono i 5.000 m
    • Cordigliera orientale
      • Ŕ collegata a quella centrale tramite il nodo di Moyobamba, Ŕ poco elevata (2.000 m) e declina verso le Pampas del Sacramento
  • A sud del Cerro del Pasco le catene sono due:
    • Cordigliera occidentale
      • compatta e alta, comprende anche una vasta zona vulcanica (Coropuna 6.613 m, Misti 5.825 m, Nudo de Ampato 6.300 m)
    • Cordigliera orientale
      • costituita da nord-ovest a sud-est da varie catene comprendenti vasti altipiani (Pampa de Jun├şn, Pampa de Parinacochas, Collao).

Le montagne sono ricche di minerali, soprattutto rame, ma il terreno Ŕ di scarsa qualit├á, fatta eccezione per alcuni bacini montani.

Foresta pluviale amazzonica o Monta├▒a
A est della Sierra, si trova la Monta├▒a, ampia regione appartenente al bassopiano amazzonico, che occupa circa un quarto del paese, formata da terreni alluvionali su cui si estende una fitta foresta equatoriale.

L'area amazzonica Ŕ praticamente priva di strade, i trasporti avvengono via fiume o per via aerea. Questa zona Ŕ poco popolata.
Nelle foreste nord-orientali si estrae il petrolio, ma la qualit├á del terreno Ŕ scadente.

Morfologia

Strutturalmente il territorio peruviano Ŕ fondato sul sistema andino, che qui Ŕ formato da una serie di pieghe, che vanno a costituire le catene che, in senso lingitudinale, si succedono da est a ovest: Cordigliera orientale, Cordigliera centrale, Cordigliera occidentale.
Queste sono tra loro separate da bacini depressionari di rocce mesozoiche ricoperte da strati neozoici, che idrograficamente si aprono verso la regione amazzonica, ma che talora sono a carattere endoreico, come quello del lago
Titicaca.

Le tre cordigliere hanno struttura e imponenza diverse, sono il risultato di piegamenti avvenuti in epoche diverse e quindi si differenziano anche geologicamente.
La Cordigliera orientale Ŕ formata prevalentemente da rocce paleozoiche, non presenta un andamento unitario; a sud i monti Auzangate (6.384 m) e Salcantay (6.271 m) dominano la valle del rio Urubamba, mentre verso nord si suddivide in una serie di dorsali minori, diminunendo la sua imponenza.
Anche la Cordigliera centrale non Ŕ molto unitaria, con esclusione della parte pi¨ settentrionale, ed Ŕ la meno imponente delle tre.
La Cordigliera occidentale Ŕ un possente bastione che ostacola le comunicazioni tra interno e costa; i passi sono posti a quote elevate: quello di Ticlio (raggiunto dalla ferrovia Lima-La Oroya) Ŕ a 4.829 m di quota. Orograficamente si presenta come una successione di sierre di materiale granitico. Un grande horst granitico Ŕ la Cordigliera Blanca, dominata dall'Huascar├ín (6.768 m), la pi¨ alta cima peruviana.

Il processo orogenetico che ha assestato il rilievo peruviano Ŕ stato accompagnato da vasti fenomeni vulcanici, numerosi sono gli apparati eruttivi presenti nel Per¨. L'area vulcanica pi¨ estesa si trova nella parte meridionale, dove svetta il cono del Misti (5.822 m).
L'attivit├á sismica Ŕ ancora oggi rilevante, denotando la giovinezza e l'instabilit├á della regione andina peruviana.

Idrografia

La maggior parte dei fiumi peruviani si dirige verso l'Atlantico tramite il Rio delle Amazzoni, che ha nel paese i suoi rami sorgentiferi:
  • il Mara├▒├│n (1.350 km), che nasce dal lago Lauricocha e che riceve
    • l'Huallaga (1.120 km)
  • l'Ucayali (1600 km), formato dall'unione dell'Apurimac con l'Urubanba

Altri fiumi che formano il bacino amazzonico sono il Rio Pur├║s e il Rio Madre de Dios.

I fiumi che sboccano sul Pacifico hanno un corso breve, generalmente non superiore ai 400 km.

Appartiene al Per¨ anche parte del lago Titicaca, al confine con la Bolivia.

Clima

In Per¨ esistono due stagioni, una umida e una secca, ma le condizioni climatiche possono cambiare da regione a regione.

La zona desertica ha un clima arido: durante l'estate (da gennaio a marzo) giornate assolate e con caldo umido, nel resto dell'anno predominano le foschie costiere, chiamate gar├║a e il sole si vede raramente. La gar├║a Ŕ provocata della fredda corrente di Humboldt. Durante la stagione estiva giungono le calde correnti del Pacifico centrale, che respingono la corrente fredda, rialzando la temperatura delle acque; ad intervalli di qualche anno, questa corrente diviene pi¨ calda del normale, provocando il fenomeno meteorologico detto El Ni├▒o.

Spostandoci verso l'interno, si sale di quota e la foschia scompare e per la gran parte dell'anno il clima Ŕ caldo e soleggiato.

L'alternanza delle stagioni Ŕ pi¨ evidente man mano che ci si addentra nella zona andina. La stagione secca va da maggio a settembre, ma la temperatura notturna Ŕ comunque molto bassa a causa dell'altitudine, per esempio a Cuzco (3.399 m.) la temperatura scende al di sotto dello zero. La stagione umida va da ottobre a maggio, ma le vere e proprie piogge arrivano solo verso la fine di gennaio.

Mentre si scendono le pendici orientali il clima si fa pi¨ umido, la stagione umida tende ad essere pi¨ marcata e i mesi pi¨ piovosi sono tra gennaio e febbraio.
Nei bassi piani amazzonici il clima Ŕ simile.

Temperatura e precipitazioni

Per¨
Temperature e precipitazioni mensili

Geografia umana

Popolazione

La popolazione peruviana supera i 26 milioni di abitanti (stima del 2000), la metà concentrata nella fascia desertica costiera. Lima, compresa Callao, conta quasi 8 milioni di abitanti, altre città molto popolate sono Arequipa e Trujillo con quasi un milione ciascuna. La restante metà della popolazione vive quasi tutta sugli altipiani, composta prevalentemente da indios e meticci.
Nel 60% del territorio nazionale, il bacino amazzonico, vive solo il 5% della popolazione.

Densit├á: 22 per km²

Etnie

Il 45% della popolazione Ŕ costituito da indios (indigenas), per la maggior parte di lingua quechua, nelle regioni del lago Titicaca si parla la lingua aymara, mentre gli indios amazzonici parlano lingue molto diversificate. Il 37% Ŕ costituito da meticci, il 15% da razza bianca e il rimanente 3% da neri, asiatici e altri gruppi etnici.

Religione

La religione dominante Ŕ la cristiana cattolica (90%). Le popolazioni autoctone, tendono a mischiare le antiche religioni con la religione cattolica, con offerte a Pachamama o agli apus (dei delle montagne).

Geografia politica

Il Per¨ Ŕ amministrativamente suddiviso in 24 dipartimenti (o stati), pi¨ la provincia costituzionale di Callao.

   Per¨: divisione amministrativa (Stime del 1989)
DipartimentoCapoluogoAb. del capoluogokm²AbitantiDensit├á
TumbesTumbes62.9004.669140.10030
PiuraPiura309.50035.8921.453.60040,5
LambayequeChiclayo409.60014.231907.90063,8
CajamarcaCajamarca88.60034.0231.246.10036,6
La LibertadTrujillo513.20024.7951.211.60048,8
AncashHuaráz63.50035.041967.30027,6
HuánacoHuánaco85.90037.722594.20015,7
LimaLima--34.8026.510.500187,1
CallaoCallao574.600147574.6003.909
IcaIca149.10021.328531.10024,9
PascoCerro de Pasco74.50025.320279.00011
Jun├şnHuancayo203.20044.4101.087.90024,5
HuancavelicaHuancavelica26.80022.131374.30016,9
AyacuchoAyacucho97.40044.410562.10012,8
CuzcoCuzco264.40071.8921.020.80014,2
ApurimacAbancay28.10020.896368.20017,6
ArequipaArequipa612.10063.345937.40014,8
PunoSan Carlos de Puno96.20072.0121.010.40014
MoqueguaMoquegua30.40015.734130.5008,3
TacnaTacna143.10016.063202.70012,6
AmazonasChachapoyas13.80039.249327.3008,3
LoretoIquitos253.400368.852637.9001,7
UcayaliPucallpa146.700102.411223.8002,2
San Mart├şnMoyobamba24.20051.253444.7008,7
Madre de DiosPuerto Maldonado20.40085.18347.5000,6

Nel 1992 il sistema Ŕ stato riorganizzato in 12 regioni, oltre a Lima e alla provincia costituzionale di Callao. Questo nuovo assetto ha creato confusione ed Ŕ stato accolto con diffidenza.

I dipartimenti sono ulteriormente divisi in 155 provincie e in 1586 distretti.

Geografia economica

Prodotto Nazionale Lordo: 2.610$ pro capite (46┬░ posto della classifica mondiale).
Bilancia dei pagamenti: -3,4 miliardi di $.
Inflazione: 8,6%.
Disoccupazione: 7,00%.

Nel 1997 la crescita economica Ŕ stata del 7%, ma non pi¨ del 1% nel 1998, a causa degli effetti disastrosi del Ni├▒o, che ha provocato inondazioni con conseguenze sulla pesca, oltre le crisi finanziarie in Asia, Brasile e Russia.

La popolazione Ŕ impiegata in

  • agricoltura e pesca 33% - 13% del PIL
  • settore minerario 2,5% - 10% del PIL
  • industria 10% - 22% del PIL
  • servizi 30% - 40% del PIL
  • disoccupati 8%

Il salario minimo mensile Ŕ di 112 dollari USA.

Punti di Forza. Abbondanti le risorse minerarie, tra cui il petrolio. Ricche le riserve di pesca. Le variazioni climatiche permettono un'agricoltura diversificata. Ben sviluppata l'industria tessile.

Punti di debolezza. Eccessiva dipendenza dai metalli e dalle materie prime le cui fluttuazioni di prezzo minacciano il commercio e gli investimenti. La corruzione e le scarse infrastrutture scoraggiano gli investimenti. Le banche sono fragili.

Risorse

Produzione di energia elettrica: 3.800.000 kw.
Pesca: 9.520.000 tonnellate.
Petrolio: 124.290 b/g.
Allevamento: pecore 13,6 milioni, capre 2 milioni, bovini 4,7 milioni, suini 2,5 milioni.
Minerali:
petrolio, carbone, piombo, zinco, ferro, argento, oro, rame.

Agricoltura. L'agricoltura Ŕ praticata soprattutto lungo la costa ( cotone, canna da zucchero, riso, vite, te, tabacco), mentre sulla sierra il suolo da solamente una produzione di sussistenza (grano, mais, orzo, patate, quinoa, ortaggi, frutta).
Nella monta├▒a si trovano colture tipicamente tropicali (cacao, caffŔ, te, chinchona, tabacco).
Le foreste forniscono legnami pregiati (cedro, mogano, palissandro).
I guadagni clandestini provenienti dalla coca sono molto elevati, si parla di quasi lo stesso valore delle esportazioni legali.

Allevamento. L'allevamento (ovini, bovini, caprini, suini, cavalli, muli, asini e pollame) Ŕ fiorente; animali tipici della zona andina sono il lama (allevato sia come animale da soma, che da latte o da carne) e l'alpaca (utilizzato per la lana, a volte anche per la carne).

Minerali. Il prodotto minerario maggiormente esportato Ŕ il rame, seguito da zinco, oro, prodotti petroliferi, piombo, argento, ferro, stagno, fosfati, carbone, vanadio, bismuto, guano, mercurio, antimonio, molibdeno, tungsteno, sale.

Pesca. L'esportazione di prodotti della pesca, riguarda in particolar modo, acciughe e sardine, seguiti da gamberetti e olio di pesce.

Industria. Importante la produzione tessile e siderurgica, anche se ancora non oggetto di esportazione, quindi cemento, tabacco, metallurgia, alimentari, carta, chimica.

Trasporti

Aeroporto internazionale Jorge Chávez di Lima: 2.570.000 passeggeri/anno.
La flotta nazionale Ŕ composta da 695 navi, per 345.600 tsl.
Rete stradale: 72.800 km (la guida Ŕ a destra).
Rete autostradale: 2.495 km ("Panamericana").
Rete ferroviaria: 1.691 km.
Rete navigabile: 8.600 km.

Le ferrovie non sono molto sviluppate, ma sono fra le pi¨ alte del mondo: la Lima-Oroya sale fino a 4.829 m.

Turismo

1 visitatore l'anno ogni 39 abitanti.
Provenienza dei turisti: USA 22%, Cile 12%, Argentina 6%, Italia 4%, Bolivia 3%, altri 53%.

Punti di forza del turismo sono i siti archeologici (come Machu Picchu e Nazca), la catena andina e la foresta amazzonica.

Esportazioni

USA 23%, Cina 7%, Giappone 7%, Svizzera 6%, Germania 6%, Altri 51%.

Importazioni

Nel 1996 le importazioni hanno superato le esportazioni, soprattutto per i generi alimentari, i macchinari, attrezzature per trasporti prodotti industriali.

USA 32%, Spagna 9%, Cile 6%, Venezuela 4%, Colombia 4%, altri 45%.

Cultura

Alfabetizzazione

Tasso di alfabetizzazione: 89%.

Istruzione

L'istruzione elementare Ŕ compresa tra i 6 e i 12 anni, obbligatoria.
L'istruzione superiore va dai 12 ai 16 anni, non obbligatoria.
Ai livelli pi¨ alti, ci sono le scuole professionali, quelle di preparazione degli insegnanti, gli istituti pre-universitari e universitari, il 40% di questi sono private e il rimanente statali.

Studenti universitari: 755.929.

Il livello di alfabetizzazione era del 72,5% nel 1972, dell'85% nel 1990 e dell'89% nel 1995.

Sanità

Sistema sanitario pubblico.

Ambiente

La divisione geografica, determina una chiara definizione degli habitat, i pi¨ importanti sono:
  • foreste di arbusti e praterie montane (paramos al nord, punas al centro e al sud)
  • foreste nebulari
  • foreste pluviali
  • deserto.

La deforestazione ha portato seri problemi di erosione, grossi problemi sono anche creati dal massiccio sfruttamento da pascolo nelle aree montane.

La continua erosione, ha peggiorato anche la qualit├á delle acque del bacino amazzonico a causa della maggior quantit├á di limo trasportato. I fiumi, cos├Č sovraccarichi, non sono pi¨ in grado di permettere la vita ai microrganismi acquatici, che sono la base della catena alimentare del fiume e delle aree circostanti. Altro problema per i fiumi sono le miniere sugli altopiani e gli scarichi inquinanti urbani.

L'inquinamento della costa, unito al depauperamento della fauna ittica, sottoposta ad una pesca eccessiva, costituisce una grave minaccia alle ricche risorse marine della nazione.

Trattati ambientali cui ha aderito:

Tutela del patrimonio ambientale

Esistono aree protette, ma spesso mancano di attrezzature che le possano gestire e preservare. Lo stato non ha la possibilità di assumere guardie forestali a sufficienza, per garantire il controllo delle aree.
Importante Ŕ l'azione svolta da vari organismi internazionali (come il Worlf Wildlife Found) o nazionali (Fundaci├│n Peruana para la Conservaci├│n de la Naturaleza, Asociaci├│n de Conservaci├│n para la Selva Sur, Peru verde).

Molti habitat creano una notevole variet├á di flora e fauna, il Per¨ Ŕ tra le prime dieci zone calde per quanto riguarda la biodiversit├á, ovvero alto numero di specie unito ad un notevole rischio di distruzione ed estinzione.

Flora

Costa del Pacifico
Salendo la costa verso le Ande, le aree desertiche, sono abitate da cactacee. Solo a quote pi¨ elevate, la variet├á di flora diventa pi¨ abbondante.

Altopiani andini
Il páramo e la puna sono habitat tipici degli altipiani, sono caratterizzati da bassa vegetazione e da praterie montane.

Il páramo occupa la parte settentrionale e prosegue fino all'Ecuador e oltre. Tratti caratteristici sono il clima aspro, i forti raggi ultravioletti e il terreno torboso e umido.
Nel Per¨ meridionale, nella zone di Huaraz, il terreno e il clima si fanno pi¨ aridi e le zone montane pi¨ erbose, e vanno a costituire la puna.

La flora Ŕ limitata ad erbe resistenti, piante a cuscinetto, piccole piante erbacee, arbusti e alberi nani. Vegetazione tipica degli ambienti con notevole escursione termica.

Caratteristiche le foglie piccole e spesse, ricurve e ricoperte da un rivestimento ceroso, per riflettere l'intensa radiazione diurna; la riduzione delle dimensioni le mantiene pi¨ vicine al terreno, dove la temperatura Ŕ pi¨ costante e il vento meno forte.

Facili da trovare sono le Espeletia, simili a margherite, pi¨ a sud si incontrano le bromeliacee, dotate di foglie appuntite e chiamate puyas. Ci sono poi piccoli alberelli, del genere Polylepis, anche se diventati piuttosto rari a causa del pascolo e degli incendi. Molto comuni, invece, i cespugli resistenti e spinosi, chiamati ichu.

Bassipiani amazzonici
Scendendo verso i bassipiani amazzonici occidentali, il paesaggio si fa aspro e remoto. Tipica di questa zona Ŕ la foresta nebulare (cos├Č chiamata in quanto cattura le nuvole e le trasforma in nebbia sottile), nella cui umidit├á vivono piante molto delicate.

Gli alberi sono bassi e nodosi e s'intrecciano in fitte volte arboree, con rami coperti da orchidee, bromeliacee, felci, muschi ed altro ancora. Queste piante sono dette epifite.

Scendendo ancora si raggiunge la foresta pluviale amazzonica. La diversit├á di alberi che crescono nella foresta pluviale Ŕ notevole.

Fauna

Le stime sul numero di specie abitanti gli habitat peruviani, parlano di quasi 400 mammiferi, 1700 uccelli, 500 rettili e anfibi e circa 2000 di pesci.

Costa del Pacifico
Sulla costa non vi sono molti animali chiaramente visibili, ma il mare ospita una notevole quantit├á di mammiferi e uccelli, oltre che naturalmente, di pesci. Il luogo migliore per avere una idea di questa biodiversit├á Ŕ la Reserva Natural de Paracas.

Una notevole quantità di piccoli animali e pesci offre nutrimento a molti uccelli: pellicani, sule, cormorani, gabbiani e fregate. Ci sono anche piccoli gruppi di pinguini di Humboldt e sterne inca. Non mancano le colonie di leoni marini.

Salendo la costa verso le Ande, le aree desertiche, sono abitate da uccelli rapaci e rettili, lungo le sponde dei fiumi si possono trovare anche roditori e piccoli uccelli. Solo a quote pi¨ elevate, la variet├á di fauna diventa pi¨ abbondante.

Altopiani andini
Tra gli animali abitanti il páramo e la puna figurano i camelidi sudamericani: lama, alpaca, guanaco e vigogna. I primi due sono stati addomesticati da migliaia di anni.

Il lama Ŕ il pi¨ grande e viene usato come animale da soma e, in certe zone, anche come animale da carne; vengono anche tosati, per ricavarne una lana molto grezza (4 kg. per ogni animale).
Secondo in dimensioni Ŕ l'alpaca, addomesticato quasi esclusivamente per la lana (5 kg. per animale), che Ŕ pi¨ fine di quella della pecora, molto utilizzata in Per¨ per gli indumenti. La lana Ŕ di diversi colori: bianca, marrone, grigia o nera. Lama ed alpaca possono accoppiarsi tra di loro, e sono talvolta difficili da distinguere.
Il pelo dell'alpaca Ŕ pi¨ lungo, mentre il lama ha orecchie pi¨ lunghe e coda pi¨ sporgente.
Il guanaco si vede raramente ed Ŕ una versione pi¨ piccola del lama, solitamente di colore arancio-marrone con ventre bianco.
La vigogna Ŕ la pi¨ piccola e la pi¨ rara, non Ŕ mai stata addomesticata, ma viene catturata e tosata (250 g. per animale ogni tre o quattro anni), per ottenerne la lana, la pi¨ pregiata del mondo. La tosatura Ŕ ora vietata per legge, anche se nel 1995 Ŕ stata nuovamente autorizzata in quantit├á limitata.

Altri animali che vivono sulle Ande sono: volpe, puma, cervo dalla coda bianca, viscaccia, formichiere, tamandua.

Tra gli uccelli troviamo: il condor delle Ande, il caracara caruncolato, la pavoncella delle Ande. Quasi tutte le città ospitano il passero dal collare rossiccio. Nelle acque turbolente vive l'anatra di torrente, che nuota con il corpo quasi completamente sommerso. Nei laghi, soprattutto nella parte meridionale, vivono tre specie di fenicotteri.

Bassipiani amazzonici
Qui vivono animali rari come: il tapiro dei monti, l'orso dagli occhiali, il puma e molti uccelli endemici (colibri, tucani, are).

Notevole la diversità di scimmie: scimmia urlatrice, scimmia ragno, scimmia lanosa, titi, cebo capuccino, uistiti, tamarino. Le scimmie del Nuovo Mondo, sono dette Platirrine, in contrapposizione alle Catarrine del Vecchio Continente.

Parchi nazionali

Di seguito una lista delle categorie di aree protette in Per¨, con alcuni esempi: In tutto occupano il 10% del territorio nazionale.

Siti naturali

Arte

Tipica manifestazione dell'arte peruviana precolombiana Ŕ la ceramica che si sviluppo sia nella zona costiera che sulla Sierra, seguendo nel tempo diversi stili.
Nel periodo pi¨ antico (VII-IX secolo), si ebbero, nelle regioni costiere meridionali, lo stile Nazca, caratterizzato dallo spiccato senso coloristico nella rappresentazione di soggetti naturalistici o immaginari, tra i quali spicca una grottesca figura mostruosa felino-gorgonica, simbolo comune ad altre civilt├á.
Nelle valli settentrionali domin├▓ lo stile Mochica, cui segu├Č, nel XIV-XV secolo, lo stile Chim¨ che, pi¨ povero di colore di quello Nazca, Ŕ per├▓ superiore nel disegno e nella decorazione con rappresentazione di scene quotidiane, di caccia, di battaglia e dei famosi, vasi-ritratto.
Contemporanemente nella sierra si sviluppava la ceramica Recuay.
Fra i secoli IX e XIV in tutto il Peru si diffuse lo stile Tiahuanaco cui nel secolo XVI si sovrappose quello Inca, caratterizzato da vasi a fondo conico e sobriamente decorati con forme geometriche, col quale la ceramica peruviana, grazie alla sagoma perfetta, alla vivacità dei colori e alla raffinata decorazione raggiunse un altissimo pregio artistico.

Architettura

Dal punto di vista architettonico nella sierra sono notevoli le costruzioni di pietra quali la Porta del Sole a Tiahuanaco, la Stele Raimondi e le rovine del Castillo a Chav├şn.
Del periodo incaico sono le grandiose costruzioni megalitiche di cui rimangono testimonianze nelle rovine di
Machu Picchu, Cuzco, Sachsahuamán, ecc.

L'architettura del periodo coloniale fu caratterizzata dal barocco spagnolo, dapprima severo, poi sempre pi¨ ricco e pesante (churrigueresco), che ebbe le manifestazioni pi¨ notevoli nell'architettura religiosa (cattedrali di Lima ed Arequipa; la chiesa dei gesuiti di Arequipa, convento della Mercede, chiesa della Compagnia di Ges¨ a Cuzco), mentre in quella civile predomina una certa semplicit├á, come edifici a portici sovrapposti e spaziosi cortili (palazzo del marchese di Torra Tagle a Lima).

Pittura e scultura

Notevole fu la scultura lignea, con i capolavori del pulpito e del coro della chiesa di San Biagio a Cuzco.

La pittura del periodo coloniale non ebbe caratteri propri, nel Peru lavor├▓, tra gli altri, Mateo P├ęrez de Alesio.
Nel XIX e XX secolo, sia la pittura che la scultura si ispirarono alla scuola francese.

Da ricordare, fra i pittori: Mat├şas Maestre, Pedro Diaz, Ignacio Merino, Luis Montero, Francisco Lazo; fra gli scultori: Gaspar Ricardo Suarez e Tamborino.

Letteratura

Del periodo incaico manca qualsiasi produzione letteraria scritta, anche se nella cultura peruviana rimangono vive leggende e tradizioni di quel tempo.

Il primo rappresentante della letteratura nazionale pu├▓ essere considerato Garcilaso de la Vega el Inca (n. a Cuzco nel 1539), autore fra l'altro della "Historia general del Peru" e della "Florida del Inca", che rimase per├▓ una figurata isolata, poichŔ gli altri esponenti di quel periodo, quali Diego de Ojeda (Cristiades), J. Espinosa-Medrano, P. de Peralta Barnuevo, ecc., conservano stretti legami con la Spagna.

Grande influenza ebbero nel XVIII secolo le idee illuministiche propugnate dalla rivista "El Mercurio Peruano" che ebbe il merito di aprire le menti agli ideali di indipendenza.
Raggiunta l'indipendenza, la letteratura nazionale fu caratterizzata dalla polemica politica, risolvendosi nella satira e nell'invettiva.
Figure significative furono: Felipe Pardo y Aliaga, Manuel A. Segura.

Il Romanticismo si ispir├▓ ai modelli francesi, fondendoli con motivi di cultura locale.
Il pi¨ importante esponente di tale epoca Ŕ Ricardo Palma autore della "Tradiciones peruana"; tra gli altri: Manuel Castillo, Manuel N. Corpancho, Clemente Althaus, Arnoldo M├írquez, Luis Benjam├şn Cisneros e Juana Manuela Corriti autrice di "La Quena" e "Sue├▒os-realidades".

Alla tendenza modernista si collegano J. C. Mari├ítegu├Č ("Sette saggi d'interpretazione della realt├á peruviana"), C. Vallejo, Ciro Alegria ("El mundo es ancho y ajeno").
Tra gli altri scrittori contemporanei: Jos├ę Mar├şa Arguedas, V. R. Haya de la Torre, L. A. S├ínchez, V. A. Bel├íunde, J. Basadre, S. Salazar Bondy, M. Vargas Llosa, Jos├ę Sabogal, Camilo Blas, ecc. In sintesi la letteratura peruviana dell'ultimo periodo pare che si orienti verso temi sociologici e nazionalistici, seguendo l'indirizzo dei maggiori centri culturali dell'America meridionale.

Poesia

C├ęsar Vallejo Ŕ l'autore di Trilce, libro di poesie, ed Ŕ considerato il pi¨ grande poeta peruviano.

Le opere dei poeti moderni peruviani sono state raccolte in antologie, come The new poetry and the newest peruvian poetry in translation.

Altro importante poeta fu Jos├ę Santos Chocano.

Romanzo

Teatro

Il teatro drammatico gode molta popolarità in Lima, in misura minore altrove.

Cinematografia

L'industria cinematografia Ŕ ancora agli inizi, pochi i film di produzione nazionale e quei pochi quasi sempre sono brevi documentari.

Musica

Sulle Ande

La musica precolombiana si basava su una
scala pentatonica (Re-Fa-Sol-La-Do), utilizzava strumenti a fiato e a percussione. Gli strumenti a corde derivano da strumenti introdotti dagli spagnoli.

La musica andina tradizionale Ŕ detta m├║sica folkl├│rica, la si pu├▓ sentire nelle feste, ma anche in bar e ristoranti delle citt├á.

Strumenti tradizionali:

  • A fiato.
    • qena - flauto, generalmente di bamb¨, di lunghezza varia, in passato fatta anche con argilla, osso o legno.
    • mohseno - grande flauto di bamb¨, emette note molto basse e profonde.
    • siku o zampo├▒a - una specie di flauto di Pan, composto da due file di canne di bamb¨, una di sei elementi, l'altra di sette.
    • chuli - come il siku, ma molto piccolo, produce note acute.
    • toyo - versione gigante del siku, Ŕ lungo un metro, si ricavano note basse.
    • ocarinas - strumenti di argilla di forma ovale, con al massimo 12 fori
    • corni - ricavati da corna di animali o da conchiglie.
  • A percussione.
    • bombo - tamburo ricavato da un segmento di tronco di cedro o noce, su cui si tende una pelle di capra.
    • shajshas - sonagli fatti con zoccoli di capra, lucidati e legati uno all'altro
  • A corda.
    • charango - piccola chitarra a 5 corde, cassa ricavata dallo scudo di un armadillo (ma oggi Ŕ quasi sempre in legno)

Agli strumenti tradizionali, si sono aggiunti arpa, violino ed ottoni.

Moderna

La musica classica viene seguita poco, malgrado la presenza di una orchestra sinfonica e di un corpo di ballo nazionali.

I generi di musica moderna pi¨ seguiti sono rock, pop, blues, reggae e punk. Diffusa anche la musica da ballo latina, come salsa, cumbia e chicha.

Sulla costa

La m├║sica criolla ha le sue radici in Spagna e in Africa. Gli strumenti caratteristici sono la chitarra e il cajon, su cui il musicista sta seduto, battendo il tempo con le mani.

La danza pi¨ popolare Ŕ la marinera, un ballo romantico, molto aggraziato, nella quale i movimenti sono accompagnati dallo sventolare di fazzoletti.
Altra danza molto popolare Ŕ l' alcatraz.

Politica

Il Per¨ Ŕ una repubblica presidenziale, il presidente resta in carica per cinque anni e pu├▓ ricandidarsi.
Dal presidente dipendono, due vicepresidenti e un gabinetto di 12 membri.

Il congresso unicamerale e composta da 120 membri.

Il voto Ŕ obbligatorio per tutti i cittadini che hanno et├á compresa tra 18 e 70 anni, facoltativo per quelli che superano i 70.

Politica interna

Politica estera

Festività

  • 1 gennaio - A├▒o Nuevo (Capodanno) Festa nazionale
  • 2 gennaio - La Viergen de la Candelaria (Festa della Candelora)
  • febbraio-marzo - Carnaval (Carnevale)
  • marzo-aprile - Semana Santa (Settimana Santa): il pomeriggio del gioved├Č santo ed il venerd├Č santo sono Festa nazionale
  • 1 maggio - Festa del lavoro Festa nazionale
  • giugno - Corpus Domini: nono gioved├Č dopo la Pasqua.
  • 24 giugno - Inti Raymi Festa nazionale
  • 29 giugno - San Pedro y San Pablo (SS. Pietro e Paolo)) Festa nazionale
  • 16 luglio - La Viergen del Carmen
  • 28 luglio e 29 luglio - Fiestas Patria (Indipendenza del Per¨) Festa nazionale
  • 30 agosto - Santa Rosa da Lima (Patrona di Lima e delle Americhe) Festa nazionale
  • 8 ottobre - Battaglia di Angamos.
  • 18 ottobre - El Se├▒or de los Milagros (Il Signore dei Miracoli)
  • 1 novembre - Todos Santos (Ognissanti) Festa nazionale
  • 2 novembre - Dias de los Muertos (Giorno dei morti)
  • 5 novembre - Festa di Puno
  • 8 dicembre - Fiesta de la Purisima Concepcion (Festa dell'Immacolata Concezione)
  • 25 dicembre - Navidad (Natale) Festa nazionale

Bibliografia

  • Alberto Flores Galindo "Per¨: identit├á e utopia" Ponte delle Grazie Firenze 1991.
  • Gabriella Chiaramonti "Ecuador, Per¨, Bolivia. Le repubbliche impervie" Giunti Firenze 1992.
  • Manuel Plana, Angelo Trento "L'America Latina nel XX secolo" Ponte delle Grazie Firenze 1992.
  • Marcello Carmagnani, Giovanni Casetta "America Latina: la grande trasformazione (1945-1985)" Einaudi Torino 1989.
  • Laura Laurencich Minelli "I regni preincaici e il mondo inca" Jaca Book Milano 1992.
  • Laura Laurencich Minelli "La scrittura dell'antico Per¨" Clueb Bologna 1996.
  • Alfred Metraux "Gli inca" Einaudi Torino 1998.
  • William H. Prescott "La conquista del Per¨" Newton & Compton Roma 1992.
  • James F. Clement "A guide to the birds of the Per¨: an annotated checklist"
  • Gabriele Poli "Magie delle Ande" EDT Torino 2000

Link

Altre voci

Per¨
Mappa geografica


GNU Fdl - it.Wikipedia.org




Google | 

Enciclopedia |  La Divina Commedia di Dante |  Mappa | : A |  B |  C |  D |  E |  F |  G |  H |  I |  J |  K |  L |  M |  N |  O |  P |  Q |  R |  S |  T |  U |  V |  W |  X |  Y |  Z |